Il Cartello: storia di un successo editoriale

Da blog a network, quando la cultura si sa raccontare
Daniele Minucci, Lorenzo Borghini e Iacopo Tonini, questi sono i nomi dei tre fondatori del magazine on line “il Cartello” (https://www.ilcartello.eu), espressione dell’omonima associazione culturale, e oggi futuro network intellettuale italiano. Il web magazine si presenta al lettore come un prodotto giovane, dai contenuti underground e originali: un luogo di incontro virtuale dove vengono condivise esperienze di vita, opinioni e idee che riguardano la società e l’arte in tutte le loro espressioni.
Nato nel 2013 dall’obiettivo dei tre di cambiare il mondo del giornalismo usando il mezzo della rete per veicolare le loro parole, “il Cartello” trae le sue origini da un piccolo blog, nato quasi per scherzo, nella città della cultura per eccellenza, Firenze.
Il nome ha un’origine particolare e bizzarra, deriva infatti dal termine che indica le associazioni criminali messicane, volendo avvicinare questo concetto al mondo dell’editoria in maniera provocatoria. Infatti il primo slogan del blog è il “Cartello spaccia arte”. Con il passare del tempo l’esperienza di Iacopo, Daniele e Lorenzo cresce grazie alla loro passione e alla grande determinazione, fino alla nascita di un vero e proprio sito.
Society, Decibel, 35MM, Dipendenze, Microcosmi e Visioni sono le categorie attraverso le quali “il Cartello” ci parla della nostra società. Troviamo nella prima sezione argomenti di attualità, notizie e fenomeni spiegati e analizzati sempre in maniera critica e originale. Con “Decibel” ci accompagnano nel mondo della musica con uno sguardo attento alle nuove tendenze del sound contemporaneo senza mancare di ricordare le icone del passato, passando per vere e proprie chicche della musica alternativa di ieri e di oggi. Recensioni di film e consigli per la visione delle ultime uscite in sala sono tutte da leggere alla voce “35MM”, dove sarà interessante perdersi nelle storie dei miti del grande schermo e nelle riflessioni sul modo di fare cinema oggi.
Oltre alla cinematografia e ai suoi protagonisti, grande attenzione viene rivolta anche a serie tv e documentari nella sezione “Visioni”, dove vengono puntualmente raccontati i prodotti televisivi di maggiore successo, il nostro paese e le sue bellezze, con interessanti interviste di approfondimento. “Dipendenze” è la lente di ingrandimento attraverso la quale il web magazine studia le pieghe più oscure della nostra società. In questa sezione ampio spazio è dedicato alla psicologia, alla sociologia e all’antropologia.
L’arte e la narrativa trovano spazio in “Microcosmi” che, come suggerisce il nome, non ci parla solo di opere d’arte e libri ma di modi possibili, quelli che raccontano l’universo dell’autore, in maniera mai scontata.
Crescono le ambizioni ma non l’ideologia dei tre fiorentini. Il nome del sito non cambia, come non cambia l’intenzione di approcciarsi alla società odierna con uno stile diretto e controverso, senza tralasciare i vari fenomeni artistici e culturali del passato, del presente e del futuro. Dopo la crescita esponenziale del sito il prossimo passo è quello di creare uno dei network più interessanti e accattivanti d’Italia, strizzando l’occhio al mondo della video informazione e alla tecnologia che verrà. Arricchendo la propria scuderia di autori con penne sempre più illustri, “il Cartello” intende aumentare la qualità del proprio prodotto editoriale che dimostra, una volta tanto, come si possa ancora puntare sulla Cultura se la si sa raccontare.

Per maggiori informazioni: info@ilcartello.eu
0